SCHNEIDER GÉRARD

SCHNEIDER GÉRARD

Gérard Ernest Schneider nasce nel 1986 in Svizzera a Sainte-Croix. Dopo aver studiato a Neuchâtel, raggiunge Parigi all’inizio della prima guerra mondiale e segue dei corsi alla Scuola di Arti Decorative e poi alla Scuola di Belle Arti.

 

LA SUA PRIMA MOSTRA PERSONALE

A Neuchâtel, alla Galleria Léopold Robert ha luogo nel 1920 la sua prima mostra personale. Schneider si stabilisce definitivamente in Francia nel 1922.

La sua formazione gli consente di fare il restauratore di quadri antichi e a partire dal ’26 partecipa a numerose esposizioni collettive (Salon d’Automne, des Surindépendants, de Mai, des Réalités Nouvelles, etc…).

L’EVOLUZIONE DELLA SUA ARTE

La sua arte evolve e traversa diverse fasi fino al ’44: classica, figurativa e poi immaginaria, surrealista (1937), concezione di forme monumentali, lirica ed astratta.

Nel 1939 avviene l’incontro con Pablo Picasso. Tra il ’41 ed il ’43 partecipa all’insegnamento di Gurjieff. Nel ’46 fa parte degli artisti esposti alla Galleria Denise René a Parigi per la prima mostra d’arte astratta del dopoguerra.

E’ naturalizzato francese nel 1948.

L’INIZIO DELL’ASTRAZIONE LIRICA

E’ a partire dagli anni 50 che il suo linguaggio plastico trova finalmente la sua strada, innanzi tutto la spontaneità, l’artista infatti lascia libero il suo istinto e non cancella mai le tracce della sua impetuosità e questo sarà il suo segno caratteristico.

Dopo degli inizi alterni, riesce infine ad imporsi ed insieme ad Hartung ed a Soulages occupa un posto di rilievo fra gli artisti astratti della seconda generazione.

In opposizione all’astrazione geometrica, la sua “cifra” lo colloca in quella che si suole definire astrazione lirica, di cui è uno degli iniziatori.

 

GLI ANNI 70

È verso la fine degli anni 70 che Schneider concentra il suo lavoro quasi esclusivamente sulle opere su carta, opere di grandi dimensioni dove i colori e l’energia sprigionati dal suo gesto e dalla sua pittura mostrano quadri quasi infuocati, destinati a durare in eterno.

Nel Luglio del 1986 Schneider muore all’età di 90 anni, lasciando in eredità delle opere e delle idee che saranno destinate a segnare l’arte dei nostri giorni.

Opere di SCHNEIDER GÉRARD in vendita

Untitled di SCHNEIDER GÉRARD in vendita AM Arte Moderna

Untitled

1984 - cm 50 x 65

Untitled di SCHNEIDER GÉRARD in vendita AM Arte Moderna

Untitled

1986 - cm 50 x 65

OPUS 94L di SCHNEIDER GÉRARD in vendita AM Arte Moderna

OPUS 94L

1977 - cm 50 x 61

Biografia